Dall'ombrello all'ombrellone.

L’ombrello è nato dall’esigenza, anche in tempi antichi, di ripararsi dalla pioggia o dal sole (ombrellone).

Il suo nome deriva da “ombra”, infatti i suoi primi utilizzi furono a protezione dei raggi solari.

Abbiamo testimonianze antichissime di utilizzo dell’ombrello.

Già presente in alcuni affreschi di tombe egizie e in antichi libri cinesi, in Europa la sua storia è documentata dalla richiesta alla Santa Sede nel 1176 da parte del Doge di Venezia, di ripararsi dal sole con un ombrello di broccato finemente ricamato con fili d’oro. Nel cinquecento Caterina de’ Medici fece conoscere ai francesi l’uso del parasole.

Ancora oggi si vedono molti turisti che oltre alle macchine fotografiche, sfoggiano ombrelli parasole durante i loro tour.

Per quanto riguarda l’uso degli ombrelloni ai tempi nostri, si può dire che ormai da molti anni gli ombrelloni vengono usati nei bar, sulle spiagge, ma anche nelle abitazioni – in giardino o in terrazza - per sfruttare gli ambienti esterni anche quando il sole picchia implacabile.

Trattando l’argomento dell’uso privato dell’ombrellone, possiamo affermare che si è passati dalla semplice struttura – bastone e cappello protettivo - ad oggetti molto funzionali ed esteticamente piacevoli.

L’ombrellone si è evoluto, passando per uno studio ed una cura dei dettagli, creando strutture che oltre a svolgere la loro funzione primaria (riparare dal sole) adempiono anche alla funzione di arredare uno spazio esterno, con design e praticità.

Il palo centrale è ancora molto utilizzato ma le strutture a palo laterale con copertura ombreggiante a sbalzo hanno permesso uno sfruttamento ottimale dell’area ombreggiata.

Anche i materiali utilizzati per produrli si sono evoluti.

Pali e stecche in legno o alluminio, teli realizzati con materiali tecnologicamente all’avanguardia, con colorazioni che non sbiadiscono sebbene esposte alle intemperie, e sistemi di apertura e chiusura che non necessitano di sforzi per essere azionati e non obbligano ad “acrobazie”: chi non ricorda le mani pizzicate dai vecchi semplici meccanismi di chiusura? O il rischio di rimanere “chiuso dentro” all’ombrellone per poi uscirne come da un guscio?

Ora comodi arganelli o, ancor meglio, manovelle facilmente utilizzabili, ci permettono un uso semplice, comodo ed agevole, del nostro compagno di relax all’esterno.

Real Time Analytics